La critica delle varianti nell'epoca della riproducibilità informatica. A proposito di "Woobinda" di Aldo Nove