Giuseppe Gangale: calvinismo e non violenza