Gate: ovvero l'architettura della discontinuità