"Un’azione – un voto”: un principio europeo?