Prendendo in esame un'ampia gamma di opere narrative e poetiche di Thomas Hardy, l'articolo indaga l'intreccio che vi si riscontra fra l'estetica del sublime (burkiana e romantica) e le teorie della genetica, fisiologia e biologia ottocentesche. Vengono prese in esame le forme (pienezza, annichilimento, omeostasi e superamento dell'entropia) che in Hardy assume il rapporto psicofisico fra il soggetto e la natura dopo la rivoluzione epistemologica prodotta dall'evoluzionismo di Darwin. L'articolo interroga le varie declinazioni che il sublime naturale assume rispetto alle complessità percettive, coscienziali, emotive e pulsionali del soggetto.

'We are horribly sensitive: Thomas Hardy e la psicofisica del sublime'

COLOMBINO, LAURA
2005

Abstract

Prendendo in esame un'ampia gamma di opere narrative e poetiche di Thomas Hardy, l'articolo indaga l'intreccio che vi si riscontra fra l'estetica del sublime (burkiana e romantica) e le teorie della genetica, fisiologia e biologia ottocentesche. Vengono prese in esame le forme (pienezza, annichilimento, omeostasi e superamento dell'entropia) che in Hardy assume il rapporto psicofisico fra il soggetto e la natura dopo la rivoluzione epistemologica prodotta dall'evoluzionismo di Darwin. L'articolo interroga le varie declinazioni che il sublime naturale assume rispetto alle complessità percettive, coscienziali, emotive e pulsionali del soggetto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/214856
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact