Oltre il confine: sul carattere universale del relativismo ebraico