Le trasformazioni eterogenee: un'apertura alle frontiere tra società lucrative ed enti non profit?