Bonaventura e Aristotele: il problema della causalità