Il cemento armato è un materiale che, negli ultimi anni, si è rivelato sempre più sensibile all’azione di diversi agenti aggressivi. L'utilizzo di rivestimenti organici superficiali, da applicare sul calcestruzzo, risulta un metodo molto efficace per la protezione dalla corrosione delle strutture in cemento armato. I prodotti vernicianti devono essere formulati in modo da ottenere particolari proprietà chimiche, fisiche e meccaniche, dipendenti dalla natura del substrato da proteggere: la naturale tendenza del calcestruzzo a criccarsi, ad esempio, comporta la necessità di rivestimenti ad alta deformabilità (crack-bridging ability), che garantiscano la continuità del film protettivo anche in seguito alla formazione e/o apertura e chiusura di cricche nel substrato cementizio. In questo lavoro si riporteranno gli studi effettuati su alcuni rivestimenti organici commerciali sottoposti a: i) misure di crack-bridging ability, condotte su mattonelle di calcestruzzo rivestite e sollecitate a uno sforzo di trazione atto a riprodurre la nascita e progressiva apertura di una cricca nel substrato cementizio e ii) misure di scorrimento, realizzate su film staccati dello stesso prodotto. Saranno, quindi, evidenziate i) l’efficacia delle misure di crack-bridging ability nell’identificazione degli stadi in cui si realizza la sollecitazione meccanica del film di vernice applicato al calcestruzzo e ii) la possibilità di correlazione di questi dati con le proprietà visco-elastiche intrinseche dei film autosupportati

Analisi delle proprietà reologiche di rivestimenti organici per la protezione del calcestruzzo

DELUCCHI, MARINA;BARBUCCI, ANTONIO;CERISOLA, GIACOMO
2000

Abstract

Il cemento armato è un materiale che, negli ultimi anni, si è rivelato sempre più sensibile all’azione di diversi agenti aggressivi. L'utilizzo di rivestimenti organici superficiali, da applicare sul calcestruzzo, risulta un metodo molto efficace per la protezione dalla corrosione delle strutture in cemento armato. I prodotti vernicianti devono essere formulati in modo da ottenere particolari proprietà chimiche, fisiche e meccaniche, dipendenti dalla natura del substrato da proteggere: la naturale tendenza del calcestruzzo a criccarsi, ad esempio, comporta la necessità di rivestimenti ad alta deformabilità (crack-bridging ability), che garantiscano la continuità del film protettivo anche in seguito alla formazione e/o apertura e chiusura di cricche nel substrato cementizio. In questo lavoro si riporteranno gli studi effettuati su alcuni rivestimenti organici commerciali sottoposti a: i) misure di crack-bridging ability, condotte su mattonelle di calcestruzzo rivestite e sollecitate a uno sforzo di trazione atto a riprodurre la nascita e progressiva apertura di una cricca nel substrato cementizio e ii) misure di scorrimento, realizzate su film staccati dello stesso prodotto. Saranno, quindi, evidenziate i) l’efficacia delle misure di crack-bridging ability nell’identificazione degli stadi in cui si realizza la sollecitazione meccanica del film di vernice applicato al calcestruzzo e ii) la possibilità di correlazione di questi dati con le proprietà visco-elastiche intrinseche dei film autosupportati
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/203070
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact