La ricostruzione accurata di dati SPECT richiede una modellizzazione completamente tridimensionale (3D) del blurring del collimatore, modellizzazione che va poi inserita in un algoritmo iterativo. Purtroppo il costo computazionale di questa strategia e' estremamente elevato e questo fatto ne impedisce la diffusione nell’ambiente clinico. In questa comunicazione si propone un modello, detto 2D+1, che risulta intermedio tra la modellizzazione completamente 3D e quella 2D e che da' ricostruzioni praticamente equivalenti, in termini di accuratezza, a quelle del modello esatto.

The 2D+1 method for an efficient modeling of collimator blur in 3D SPECT imaging

BOCCACCI, PATRIZIA;BONETTO, PAOLA;BRIANZI, PAOLA;CALVINI, PIERO;DI BENEDETTO, FABIO;
2000

Abstract

La ricostruzione accurata di dati SPECT richiede una modellizzazione completamente tridimensionale (3D) del blurring del collimatore, modellizzazione che va poi inserita in un algoritmo iterativo. Purtroppo il costo computazionale di questa strategia e' estremamente elevato e questo fatto ne impedisce la diffusione nell’ambiente clinico. In questa comunicazione si propone un modello, detto 2D+1, che risulta intermedio tra la modellizzazione completamente 3D e quella 2D e che da' ricostruzioni praticamente equivalenti, in termini di accuratezza, a quelle del modello esatto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/195126
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact