Il laboratorio del traduttore: Giorgio Caproni e la poesia francese