Singolarità e universalità della parola poetica. Il "Ciclo di Gerusalemme" di Paul Celan, (parte II)