Il lato oscuro del 'gramsciazionismo'.La vocazione illiberale degli intellettuali impegnati