Susanne Langer o la dissoluzione del simbolo