Un carteggio 'umanistico': Remigio Sabbadini scrive a Gian Francesco Gamurrini