Tradizionalmente attribuito a Francesco Filelfo, il commento alla Rhetorica ad Herennium trasmesso dal ms. Varia 75 della Biblioteca Reale di Torino (nel quale, stando al colophon posto in chiusura del manoscritto, fu trascritto da Ludovico Maria Sforza) è in realtà opera di Giovan Francesco Picenardi, che mise insieme vari brani del commento di Guarino Veronese alla Rhetorica ad Herennium. Nel presente articolo si cerca, più precisamente, di individuare quale, fra le molteplici versioni del commento di Guarino, rappresentò il modello per Picenardi.

Sul commento alla Rhetorica ad Herennium del Codice Sforza

LOSAPPIO, Domenico
2016

Abstract

Tradizionalmente attribuito a Francesco Filelfo, il commento alla Rhetorica ad Herennium trasmesso dal ms. Varia 75 della Biblioteca Reale di Torino (nel quale, stando al colophon posto in chiusura del manoscritto, fu trascritto da Ludovico Maria Sforza) è in realtà opera di Giovan Francesco Picenardi, che mise insieme vari brani del commento di Guarino Veronese alla Rhetorica ad Herennium. Nel presente articolo si cerca, più precisamente, di individuare quale, fra le molteplici versioni del commento di Guarino, rappresentò il modello per Picenardi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/1082238
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact