La ricezione del mito di Galatea in Etruria tra antiquaria, epigrafia ed iconografia