Sull’'uso di modelli iconografici attici in un’'officina di specchi etruschi tardo-classici