Lo studio analizza una serie di specchi etruschi prodotti a Volsinii alla fine del V secolo a.C. in cui è evidente la diffusione di modelli iconografici attici in Etruria. La circolazione degli stessi motivi iconografici si riscontra anche in altri oggetti dell'artigianato artistico etrusco, soprattutto nella ceramica figurata e nella bronzistica. Alcune considerazioni spingono a credere che l'associazione delle scene fosse probabilmente tratta da vasi attici circolanti, più che da cartoni con composizioni "originali".

Sull’'uso di modelli iconografici attici in un’'officina di specchi etruschi tardo-classici

AMBROSINI L
2005

Abstract

Lo studio analizza una serie di specchi etruschi prodotti a Volsinii alla fine del V secolo a.C. in cui è evidente la diffusione di modelli iconografici attici in Etruria. La circolazione degli stessi motivi iconografici si riscontra anche in altri oggetti dell'artigianato artistico etrusco, soprattutto nella ceramica figurata e nella bronzistica. Alcune considerazioni spingono a credere che l'associazione delle scene fosse probabilmente tratta da vasi attici circolanti, più che da cartoni con composizioni "originali".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/1079227
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact