Le Social Street vengono definite come «strade nelle quali i vicini di casa vogliono creare o ricreare socialità di prossimità, usando come strumento di comunicazione facebook» (Pasqualini 2016). Il fenomeno delle Social Street non è stato oggetto di numerose ricerche, con l’eccezione degli studi interessati all’impatto delle tecnologie e delle piattaforme digitali. La ricerca su questo fenomeno, sia a livello locale che internazionale, ha permesso di osservare la diffusione delle Social Street nei contesti urbani. Le Social Street sono inclusive e potenzialmente accessibili a chiunque, e sono inoltre capaci di creare innovazione tecnologica e sociale. Creano controllo sociale, si occupano dell’informazione nel quartiere e partecipano agli eventi promossi nel vicinato, promuovono la socialità e si prendono cura dei beni comuni della città, specialmente nel contesto di prossimità. Nella prospettiva avanzata da questo studio, le Social Street sembrano rappresentare una forma locale di civic collective action. In questo articolo ci si sofferma su tre casi studio: Milano, Bologna e Roma, mostrando caratteristiche simili e differenze nelle attività promosse e nella diffusione del fenomeno.

Le Social Street come forme di ordinaria azione civica: prospettive di ricerca

Niccolo' Morelli;
2019

Abstract

Le Social Street vengono definite come «strade nelle quali i vicini di casa vogliono creare o ricreare socialità di prossimità, usando come strumento di comunicazione facebook» (Pasqualini 2016). Il fenomeno delle Social Street non è stato oggetto di numerose ricerche, con l’eccezione degli studi interessati all’impatto delle tecnologie e delle piattaforme digitali. La ricerca su questo fenomeno, sia a livello locale che internazionale, ha permesso di osservare la diffusione delle Social Street nei contesti urbani. Le Social Street sono inclusive e potenzialmente accessibili a chiunque, e sono inoltre capaci di creare innovazione tecnologica e sociale. Creano controllo sociale, si occupano dell’informazione nel quartiere e partecipano agli eventi promossi nel vicinato, promuovono la socialità e si prendono cura dei beni comuni della città, specialmente nel contesto di prossimità. Nella prospettiva avanzata da questo studio, le Social Street sembrano rappresentare una forma locale di civic collective action. In questo articolo ci si sofferma su tre casi studio: Milano, Bologna e Roma, mostrando caratteristiche simili e differenze nelle attività promosse e nella diffusione del fenomeno.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Castrignano-Morelli (1).pdf

accesso chiuso

Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 408.83 kB
Formato Adobe PDF
408.83 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1068922
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact