La propensione di James C. Scott e i processi di incivilimento