"Max, non si spiega". Figure dell'opacità semantica in Paolo Conte