Pur collocata in posizione debole e periferica, l’Accademia genovese dei Mutoli offre una testimonianza di un certo rilievo sulla persistenza di alcuni temi di ispirazione neoplatonica nel dibattito letterario primo-secentesco. Patrocinata da Giovan Vincenzo Imperiali, che ai Mutoli dedica una sezione significativa della parte X dello Stato rustico, l’Accademia interpreta la lirica petrarchesca sul topos platonico-ficiniano della securissima scala d’Amore, ma soprattutto attribuisce all’imaginatio onirica una valenza conoscitivo-sapienziale che scardina la concezione rigorosamente mimetica della poesia. Recuperando le antiche teorie sul furore poetico e sulla presunta origine divina della ispirazione artistica, il poeta “mutolo” è infatti colui che nello spazio del raccoglimento spirituale è in grado di porsi all’ascolto della melodia universale delle Muse, trasferendo la loro eloquenza nella dimensione del canto interiore.

Tra «muta lingua» e «cor loquace»: echi neoplatonici nell’Accademia dei Mutoli di Genova

Luca Beltrami
2018

Abstract

Pur collocata in posizione debole e periferica, l’Accademia genovese dei Mutoli offre una testimonianza di un certo rilievo sulla persistenza di alcuni temi di ispirazione neoplatonica nel dibattito letterario primo-secentesco. Patrocinata da Giovan Vincenzo Imperiali, che ai Mutoli dedica una sezione significativa della parte X dello Stato rustico, l’Accademia interpreta la lirica petrarchesca sul topos platonico-ficiniano della securissima scala d’Amore, ma soprattutto attribuisce all’imaginatio onirica una valenza conoscitivo-sapienziale che scardina la concezione rigorosamente mimetica della poesia. Recuperando le antiche teorie sul furore poetico e sulla presunta origine divina della ispirazione artistica, il poeta “mutolo” è infatti colui che nello spazio del raccoglimento spirituale è in grado di porsi all’ascolto della melodia universale delle Muse, trasferendo la loro eloquenza nella dimensione del canto interiore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Beltrami - Tra muta lingua e cor loquace.pdf

accesso chiuso

Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 658.1 kB
Formato Adobe PDF
658.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/911621
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact