L'io tra finito ed infinito. Rosmini dopo Hegel