L’immaginazione, la democrazia e il diritto. In margine ad un libro su Martha Nussbaum