Il tema del primato italiano nelle scienze e nelle arti viene ripreso per tutto il Settecento, pur diversamente declinato, caratterizzando l’elaborazione dei miti fondativi basati sulla prisca sapienza italica (tanto nella linea vichiana che in quella toscano-etrusca), e le querelles letterarie che dividono la Francia dall’Italia (quella sul genere dell’elogio ne è l’esempio forse più evidente). Le occorrenze della polemica, che a fine secolo sembra perdere vigore, riaffiorano invece, mutando carattere, proprio nella stagione a cavaliere tra la prima e la seconda Cisalpina, quando le speranze di indipendenza istituzionale sembrano favorite dai nuovi equilibri politici. L’oggetto della rivendicazione, tuttavia, non è più a questo punto il retaggio di un primato «antico» (da riconoscere nella poesia e nelle scienze «morali» in specie) bensì la preminenza moderna anche nelle discipline sperimentali. Muovendosi in una prospettiva ampia, il saggio prende in esame soprattutto alcuni testimoni significativi (tra gli altri: la celebre prolusione di Monti a Pavia, le Vite di Lomonaco, le «dedicatorie» che inaugurano le collane degli Scrittori classici italiani di economia politica e la monumentale collana dei Classici italiani) di questa polemica primo-ottocentesca.

"Dell'obbligo di onorare gli italiani illustri": polemiche sette-ottocentesche sul primato disconosciuto

TONGIORGI, DUCCIO
2010

Abstract

Il tema del primato italiano nelle scienze e nelle arti viene ripreso per tutto il Settecento, pur diversamente declinato, caratterizzando l’elaborazione dei miti fondativi basati sulla prisca sapienza italica (tanto nella linea vichiana che in quella toscano-etrusca), e le querelles letterarie che dividono la Francia dall’Italia (quella sul genere dell’elogio ne è l’esempio forse più evidente). Le occorrenze della polemica, che a fine secolo sembra perdere vigore, riaffiorano invece, mutando carattere, proprio nella stagione a cavaliere tra la prima e la seconda Cisalpina, quando le speranze di indipendenza istituzionale sembrano favorite dai nuovi equilibri politici. L’oggetto della rivendicazione, tuttavia, non è più a questo punto il retaggio di un primato «antico» (da riconoscere nella poesia e nelle scienze «morali» in specie) bensì la preminenza moderna anche nelle discipline sperimentali. Muovendosi in una prospettiva ampia, il saggio prende in esame soprattutto alcuni testimoni significativi (tra gli altri: la celebre prolusione di Monti a Pavia, le Vite di Lomonaco, le «dedicatorie» che inaugurano le collane degli Scrittori classici italiani di economia politica e la monumentale collana dei Classici italiani) di questa polemica primo-ottocentesca.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/887072
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact