Il contratto collettivo e l'insostenibile leggerezza della sua esigibilità