Analysis of the way in which Tiberius Claudius Donatus, in his rhetorical commentary on the Aeneid, interprets his role as a literary critic: he stands as a defender of Virgil, who in turn defends his hero, Aeneas, from indirect accusations in particular from Juno, his persecutor.

Analisi del modo con cui Tiberio Claudio Donato, nel suo commento retorico all'Eneide, interpreta il suo ruolo di critico letterario: egli si pone infatti come avvocato difensore di Virgilio, che a sua volta difende Enea , il suo eroe, dalle accuse indirettamente rivoltegli in particolare da Giunone, sua persecutrice.

The Poet in Court: Judiciary Model in Literary Criticism. The Case of Tiberius Claudius Donatus

MORETTI, GABRIELLA
1997

Abstract

Analisi del modo con cui Tiberio Claudio Donato, nel suo commento retorico all'Eneide, interpreta il suo ruolo di critico letterario: egli si pone infatti come avvocato difensore di Virgilio, che a sua volta difende Enea , il suo eroe, dalle accuse indirettamente rivoltegli in particolare da Giunone, sua persecutrice.
Analysis of the way in which Tiberius Claudius Donatus, in his rhetorical commentary on the Aeneid, interprets his role as a literary critic: he stands as a defender of Virgil, who in turn defends his hero, Aeneas, from indirect accusations in particular from Juno, his persecutor.
9788837109851
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/880402
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact