Violenze e tortura nel frame delle guerre permanenti della postmodernità liberista