Riflessioni linguistiche sulla traduzione: il connettivo ‘o’ nelle sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione Europea