Auto-integrazione ed etero-integrazione del contratto: che cosa resta della distinzione?