Tra autobiografia e apologia: le «Lettere di Ansaldo Cebà ad Agostino Pallavicino di Stefano» (1623)