La mobilitazione femminile tra assistenza e propaganda