“Simon Boccanegra”, o la maturità di Verdi