Il “Paravento della Conquista” e la scoperta dell’ “altro”