Dopo la diffusione urbana: le molteplici dimensioni dell’abbandono