Riflettendo sulle osservazioni di Angela Ferrari