La fantasia giuridica del costituente: Lelio Basso e il secondo comma dell’articolo 3