Lorenzo Capelloni, la corte di Andrea Doria e l’immagine del Principe