Caproni e Frénaud: nel laboratorio del traduttore