Il contributo descrive I risultati di una ricerca qualitativa svolta con la raccolta di interviste narrative con 15 ultras tifosi di calcio. I dati sono stati rilevati per mezzo della Free Association Narrative Interview (Hollway e Jefferson) e analizzati mediante una procedura di analisi tematica del contenuto (software MAXQDA). Le analisi dei dati sono state condotte alla luce del modello di offender profiling (Canter, 2004; 2000) con l’obiettivo di definire eventuali pattern narrativi riconducibili a specifiche tipicità nella descrizione di Sé, del percorso di carriera ultras e dell’adesione a modelli devianti. Secondo il modello proposto, tutte le narrazioni di azioni devianti sono accomunate da dimensioni strutturali e di contenuto che ne caratterizzano l’accountability. I risultati (ancora in fase di elaborazione) infatti mostrano che il ricorso alla condanna della valutazione altrui e il richiamo a valori più alti sono gli aspetti caratterizzanti le narrazioni ultras; quanto alla descrizione di Sé prevale una tendenza alla “normalizzazione” della propria biografia (“sono una persona normale, non sono un delinquente”); in termini di profiling narrativo sono descritte inoltre le fasi di avvio e consolidamento della carriera deviante e le differenze rispetto allo status nelle gerarchie ultras. Non emergono risultati significativi rispetto alla dimensione territoriale/appartenenza e alla squadra di riferimento.

I "bad boys" del calcio: Una proposta di offender profiling di tipo narrativo.

DE GREGORIO, EUGENIO;VERDE, ALFREDO
2014

Abstract

Il contributo descrive I risultati di una ricerca qualitativa svolta con la raccolta di interviste narrative con 15 ultras tifosi di calcio. I dati sono stati rilevati per mezzo della Free Association Narrative Interview (Hollway e Jefferson) e analizzati mediante una procedura di analisi tematica del contenuto (software MAXQDA). Le analisi dei dati sono state condotte alla luce del modello di offender profiling (Canter, 2004; 2000) con l’obiettivo di definire eventuali pattern narrativi riconducibili a specifiche tipicità nella descrizione di Sé, del percorso di carriera ultras e dell’adesione a modelli devianti. Secondo il modello proposto, tutte le narrazioni di azioni devianti sono accomunate da dimensioni strutturali e di contenuto che ne caratterizzano l’accountability. I risultati (ancora in fase di elaborazione) infatti mostrano che il ricorso alla condanna della valutazione altrui e il richiamo a valori più alti sono gli aspetti caratterizzanti le narrazioni ultras; quanto alla descrizione di Sé prevale una tendenza alla “normalizzazione” della propria biografia (“sono una persona normale, non sono un delinquente”); in termini di profiling narrativo sono descritte inoltre le fasi di avvio e consolidamento della carriera deviante e le differenze rispetto allo status nelle gerarchie ultras. Non emergono risultati significativi rispetto alla dimensione territoriale/appartenenza e alla squadra di riferimento.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/739377
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact