Sovrani "barbari" e santuari greci: qualche riflessione