La finzione del fiabesco ne "La donna serpente"