Il realismo di Virzì: una questione di stile