Il confine corre dentro l’io, ovvero l’identità frammentata di José María Arguedas