Sulla poesia di Bruno Rombi