Mozart, Da Ponte e le vertigini della consapevolezza