Rileggendo il cod.166 (Antonio Diogene) della «Bibliotheca» di Fozio