Erudizione e collezionismo. Un “tesoretto” per la storia regionale