Leggendo Marco Salotti con lo sguardo rivolto a Sabino Cassese