La ricerca sulla pericolosità geomorfologica associata all’attività turistica è oggi un tema di rilievo per i connessi aspetti ambientali e socio-economici. L’area dei monti Penna e Aiona, nel Parco Naturale dell’Aveto, negli ultimi anni è stato oggetto di espansione turistica, incentivata dal crescente interesse per l’ambiente naturale e la diffusione di nuove discipline sportive accanto alla tradizionale attività escursionistica. Le caratteristiche geologiche ed ambientali di questi territori determinano diverse pericolosità naturali legate alle dinamiche geomorfologiche e alle peculiari condizioni climatiche. Oltre alle pericolosità naturali, a determinare situazioni di rischio contribuiscono altri fattori quali la vulnerabilità turistica, intesa come criticità dei sentieri escursionistici, e la vulnerabilità dell’elemento umano. Tenendo presente il concetto di rischio, inteso come prodotto tra pericolosità naturale e vulnerabilità, è stato applicato un modello operativo che analizza i fenomeni d’instabilità geomorfologica, le caratteristiche della rete sentieristica e le capacità fisiche e tecniche dei frequentatori. I risultati ottenuti sono stati utilizzati per la redazione della carta della pericolosità geomorfologica e della vulnerabilità turistica lungo i sentieri che attraversano l’area dei monti Penna ed Aiona.

Cartografia della pericolosità geomorfologica e della vulnerabilità turistica: il caso dei monti Penna e Aiona nel Parco dell’Aveto (Appennino Ligure-Emiliano)

FACCINI, FRANCESCO;PICCAZZO, MAURO
2009-01-01

Abstract

La ricerca sulla pericolosità geomorfologica associata all’attività turistica è oggi un tema di rilievo per i connessi aspetti ambientali e socio-economici. L’area dei monti Penna e Aiona, nel Parco Naturale dell’Aveto, negli ultimi anni è stato oggetto di espansione turistica, incentivata dal crescente interesse per l’ambiente naturale e la diffusione di nuove discipline sportive accanto alla tradizionale attività escursionistica. Le caratteristiche geologiche ed ambientali di questi territori determinano diverse pericolosità naturali legate alle dinamiche geomorfologiche e alle peculiari condizioni climatiche. Oltre alle pericolosità naturali, a determinare situazioni di rischio contribuiscono altri fattori quali la vulnerabilità turistica, intesa come criticità dei sentieri escursionistici, e la vulnerabilità dell’elemento umano. Tenendo presente il concetto di rischio, inteso come prodotto tra pericolosità naturale e vulnerabilità, è stato applicato un modello operativo che analizza i fenomeni d’instabilità geomorfologica, le caratteristiche della rete sentieristica e le capacità fisiche e tecniche dei frequentatori. I risultati ottenuti sono stati utilizzati per la redazione della carta della pericolosità geomorfologica e della vulnerabilità turistica lungo i sentieri che attraversano l’area dei monti Penna ed Aiona.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/390865
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact